Ambra

Eccoti: strisci contro i muri ruvidi
come il fresco d’estate.
Hai lasciato orme nei ricordi ambrati,
li richiami con forme mai mutate.
Imbrigli il solco dei miei passi insipidi,
l’incedere del sole,
lo scivolio delle ombre.
Contieni cose, è questo il tuo dovere:
lo scoppio eroico delle primavere,
rigurgitante fiori d’azalee;
la luce che come amanuense calca
sui pavimenti
di ampie finestre sagome e contorni.

Sei il lampione del paese
che m’indica la via
nelle notti di neve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: