Gibigianna

Come una cipollail tempo mi sfogliafiltrando tra le crepecome acqua tra le pietre. Seduta in controluce su una sedia a rotellenell’ampia cavità del salone,gonfia di malva e passi scricchiolanti, hai uno scialle buttato sulle spalle, una televisione blaterantee un esercito leale di poltrone.Ti seguono fedeli e vagabonde,quando la tua memoria si ripiegaschiudendo scrigni di raccontiContinua a leggere “Gibigianna”